Nel libro del male di Breivik c’è una “cultura” da non sottovalutare

di Assuntina Morresi Fosse stata la trama di un film, avremmo detto che era di basso livello: ma quando mai una persona sola riesce a fare un attentato in una grande capitale e poi quella strage infinita nell’isoletta vicina? E invece pare proprio sia andata così in Norvegia.


Leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.