Dopo la revoca degli arresti domiciliari all’ex sindaco Luciano D’Alfonso, i vertici del Partito democratico puntano il dito contro i magistrati

Secondo De Ninis, rassegnando le dimissioni D’Alfonso avrebbe anteposto le «esigenze di accertamento giudiziario e di trasparenza dell’azione politica al proprio interesse personale, con evidente e notevole sacrificio del secondo in favore delle prime».

Posted: 2008-12-27 04:49:00

Read Full Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.